Lo Speedmaster nello spazio

Omega Speedmaster del 1966

 

Il 1° marzo 1965, il cronografo OMEGA Speedmaster viene omologato dalla NASA per tutte le missioni spaziali con equipaggio.
Lo Speedmaster è l'unico orologio da polso ad aver superato tutti i severi test della NASA eseguiti in assenza di gravità e con un'esposizione ai campi magnetici, agli urti violenti, alle vibrazioni e alle temperature comprese tra -18 °C e +93 °C.  ...

 

 

Lo Speedmaster nello spazio

Omega speedmaster del 1966

Il 1° marzo 1965, il cronografo OMEGA Speedmaster viene omologato dalla NASA per tutte le missioni spaziali con equipaggio.

QUASI MEZZO SECOLO DI AVVENTURE NELLO SPAZIO

Lo Speedmaster è l'unico orologio da polso ad aver superato tutti i severi test della NASA eseguiti in assenza di gravità e con un'esposizione ai campi magnetici, agli urti violenti, alle vibrazioni e alle temperature comprese tra -18 °C e +93 °C.

Nello stesso mese, lo Speedmaster sale per la prima volta ufficialmente a bordo della missione Gemini 3. E' il primo viaggio "ufficiale" di questo resistente cronografo, che aveva però già volato due volte nello spazio nell'ambito del programma Mercury.

Il momento più memorabile della storia dello Speedmaster, tuttavia, è senza dubbio il 20 luglio 1969 alle 02:56 GMT quando, per la prima volta, l'uomo sbarca sulla Luna. La missione Apollo 11 rappresenta una svolta storica, e lo Speedmaster diventa il primo orologio (e, all'epoca, l'unico) ad essere andato sulla Luna. Questa impresa memorabile gli vale un soprannome altrettanto memorabile: Moonwatch, l'orologio della Luna.

Nell’aprile 1970, l’OMEGA Speedmaster contribuisce ad evitare una catastrofe durante la missione Apollo 13; per questo, OMEGA riceve lo "Snoopy Award", il più alto riconoscimento accordato dagli astronauti della NASA. Altro evento significativo: lo Speedmaster è al polso dell’astronauta americano Tom Stafford e del cosmonauta russo Alexei Leonov al momento dello storico rendezvous spaziale Apollo-Soyuz. Era la prima volta che i cosmonauti portavano uno Speedmaster. Da allora, è il cronografo ufficiale di tutte le missioni spaziali russe con equipaggio.

Moonwatch

 

Mentre le esplorazioni spaziali continuano a varcare nuovi confini, l’OMEGA Speedmaster è nuovamente selezionato dalla NASA nel 1978 come cronografo ufficiale per il nuovo programma Space Shuttle, in seguito a nuovi rigorosi test.
Tra il luglio 1993 e il luglio 1994, lo Speedmaster è sottoposto a ulteriori ed estenuanti test a bordo della stazione spaziale russa MIR. Il successo di questi eccezionali test di resistenza è attestato da un certificato rilasciato dall’equipaggio. L’OMEGA Speedmaster è l’orologio più testato al mondo.

Nel 1998, è ancora l’innovativa stazione spaziale russa MIR a fungere da laboratorio sperimentale in orbita per il cronografo multifunzione OMEGA X-33. Dopo la positiva conclusione dei test, la stazione MIR fornisce un’opportunità assolutamente unica: presentare l’orologio al pubblico durante un collegamento in diretta via satellite con la base di Houston.
Lo Speedmaster X-33 è stato omologato sia dalla NASA sia dall’agenzia spaziale russa, ed è ormai parte dell’equipaggiamento standard di tutti gli astronauti e di tutti i cosmonauti. Il leggendario modello OMEGA Speedmaster Professional è anche l’unico orologio certificato per le attività extraveicolari.